Mind the gap

Oggi la psicologa ha detto che sto facendo passi da gigante, che in questi mesi ho avuto una maturazione importante e che sto prendendo la strada giusta. Non so se me lo dice perchè sta per andare in pensione, ma il fatto è che effettivamente mai come quest’anno mi sento una persona diversa, e mai come adesso ho paura di ricadere nella rete di tutte quelle cazzate e di tutti quei pensieri disfunzionali che per anni hanno invaso la mia vita e la mia mente. In ogni caso, quando stavo per andare via, sull’uscio della porta, mi ha salutata dicendomi:

Non si faccia calpestare da chi pensa solo a se stesso

Mi sono sentita fortissima, perchè ho capito che stavo andando dalla parte giusta.
Ero talmente tanto presa da questa frase che camminando verso la macchina ho rischiato di essere investita. Ho urlato contro la donna alla guida, pur sapendo di essere nel torto, e lei mi ha guardata spaventata credendo fossi appena scappata dal centro di salute mentale (da dove ero effettivamente uscita).
Sicurezza in se stessi si, onnipotenza forse no.

Voglio fare un film

Sono molto stanca, mi fanno male le gambe, vado a dormire presto.
Ho caldo, vorrei una birra fredda ghiacciata e una sigaretta lunga 10 metri.
In più mi piacerebbe stendermi su una ciambella a forma di fenicottero (sto in fissa, si) e navigare per le acque pulite della mia Calabria con un unico, solo, pensiero in testa: stasera frittura o pasta con il polpo?
E invece sto qui con la schiena a pezzi e la faccia sulla scrivania cercando di farmi entrare in testa più nozioni possibili (Che differenza c’è tra afasia fluente e non fluente? Dove si trova la corteccia cingolata anteriore? E la fossa posteriore?) e allo stesso tempo provando a non perderla (la testa) prima che sia troppo tardi.

Mi è capitato per caso di sentire una canzone che non ascoltavo da tempo e di rivivere un momento particolare, come se non me ne fossi mai andata da lì. Beh è bruttissimo, non lo auguro a nessuno, soprattutto se quello era un bel momento ed ora non c’è più. Duemila brividi e un senso di vuoto misto a orrore.
Mesi fa sarei andata su Youtube a risentire quella canzone a ripetizione aprendo altre mille ferite e sguazzando nel mio vittimismo masochistico, affacciata alla finestra con il (poco) vento tra i capelli, riflettendo su quanto la vita faccia schifo se non puoi avere quello che vuoi.
Stavolta però ho deciso di no. Sono così labile che anche un minimo tremolio potrebbe farmi cadere giù nel burrone della mia depressione.
Perciò ciao ciao bello chittese io voglio pace e tranquillità e amore for myself quindi addio voi brutti cattivoni che mi volete male apriamo la porta alla serenitàààààààààààààààààààààààààààààààààààà (pare vero).
Comunque la metto qui sotto, devo condividerla e dimostrare che non ho paura di una stupida canzone. Io so forte eh.

L’arte di essere fragili

Sono contenta.
Perchè nonostante il mio modo di fare da ragazzina svampita, tutte le mie disavventure che i miei amici ascoltano ogni volta con stupore, il mio essere così terribilmente empatica e fragile come la punta di una matita troppo temperata, alla fine mi piace la vita che mi sto costruendo.
Perchè il tizio di Bla Bla Car mi ha presa in simpatia e mi ha aspettata alla fine del concerto, anche se i programmi non erano quelli, anche se i telefoni non prendevano, anche se pioveva, anche se c’erano cinquantamila persone. Mi ha aspettata, mi ha offerto un caffè e non mi ha fatto nemmeno pagare il ritorno. Mi ha accompagnata dritta a casa e mi ha detto “Vattene a dormire, sei stanca”.
Perchè nonostante mi senta sola la maggior parte delle volte, ho capito che la solitudine è solo un’indipendenza vista in modo negativo. E io amo la mia indipendenza. È diventata la cosa più preziosa che ho.
Perchè sono riuscita a vedere i Radiohead con i miei occhi e a sentirli con le mie orecchie.
Perchè ho scelto di circondarmi di persone genuine e sincere e sorridenti e ho scacciato via tutte quelle malate e tossiche, ipocrite e egoiste.
Perchè ho capito qual è la mia strada, ci ho messo un po’ ma ci sono riuscita.
Oggi voglio fare un inno a me, non lo faccio mai, lasciatemelo fare.

13b9e35d-df11-429f-91bc-489dd7613c9b
L’occhio di Thom Yorke, quello sano.

Sono una stupida

Quando guardi negli occhi una persona. Quando sei libero di poterci stare quanto vuoi su quegli occhi, tanto che poi li impari a memoria. Conosci le minime venature e tutte le infinite sfumature che prendono vita su quella pupilla. E non te ne vergogni di poterci stare tutto il tempo, non hai bisogno di distogliere lo sguardo per paura che lui ti veda. Quello è il momento in cui capisci che quella persona è finalmente tua.

Bitterness

Comunque, le parole per me hanno una forza potentissima. Puoi farci qualsiasi cosa, puoi muoverle e giocarci e costruire storie diverse e discorsi profondi, arrotolarle più volte e sovrapporle come i panni appena stirati di mamma.
Però, quando si rivolgono a me, spesso assumono la forma di un soffio di vento o di un alone di fumo grigio che si attacca al soffitto della camera e si dissolve nel giro di pochi secondi.
Non hanno senso.
“Che begli occhi.” Non ha senso per me.
Potrebbe aver senso per la ragazza che è seduta sull’autobus accanto al finestrino. Potrebbe avere senso per la triste signora solitaria che affannando porta a casa la busta della spesa. Ma su di me non provoca il minimo effetto, nè un cenno sul mio viso, nè un sorriso nascosto o vergognoso sulle mie labbra.
“Romanticismo non significa regalare rose. Romanticismo significa coltivarle”.

Sprechi di tempo

Più di 10 anni a cercare di cambiare la mia forma fisica per poi capire che non era su quella che avrei dovuto lavorare. Mi sono concentrata per così tanto tempo su cosce, pancia, glutei fino a dimenticarmi di coltivare il cervello.
E così mi ritrovo a stupirmi del fatto che possa piacere a qualcuno per come sono fuori e non per come sono dentro.
Il mio problema è proprio dove non pensavo che fosse, nella testa.