Mind the gap

Oggi la psicologa ha detto che sto facendo passi da gigante, che in questi mesi ho avuto una maturazione importante e che sto prendendo la strada giusta. Non so se me lo dice perchè sta per andare in pensione, ma il fatto è che effettivamente mai come quest’anno mi sento una persona diversa, e mai come adesso ho paura di ricadere nella rete di tutte quelle cazzate e di tutti quei pensieri disfunzionali che per anni hanno invaso la mia vita e la mia mente. In ogni caso, quando stavo per andare via, sull’uscio della porta, mi ha salutata dicendomi:

Non si faccia calpestare da chi pensa solo a se stesso

Mi sono sentita fortissima, perchè ho capito che stavo andando dalla parte giusta.
Ero talmente tanto presa da questa frase che camminando verso la macchina ho rischiato di essere investita. Ho urlato contro la donna alla guida, pur sapendo di essere nel torto, e lei mi ha guardata spaventata credendo fossi appena scappata dal centro di salute mentale (da dove ero effettivamente uscita).
Sicurezza in se stessi si, onnipotenza forse no.

Uomini con estrogeni, donne con testosterone

Io non lo so, a me pare una barzelletta che non fa ridere.

1) Se non ti fai sentire non ti interessa abbastanza.
2) Se ti fai sentire ti accolli.
3) Se prendi in mano la situazione sei troppo indipendente.
4) Se lasci fare a lui hai poca personalità.
5) Se dici cose carine sei troppo smielata.
6) Se non dici cose carine sei frigida.
7) Se avete molte cose in comune: “sai poi che noia”.
8) Se avete poche cose in comune: “abbiamo troppe poche cose in comune”.
9) Se ascolti i suoi problemi ti vede più come un’amica.
10) Se non ascolti i suoi problemi sei troppo concentrata su te stessa.

Almeno per noi è tutto molto più semplice. Basta che vi fermate al punto 1 e già vorremmo sposarvi.