Niente vie di mezzo

Prima la mia timidezza era talmente tanto tenace da farmi chiudere in me stessa e non parlare con nessuno, sorridendo di tanto in tanto verso discorsi che forse nemmeno ascoltavo veramente, passando per una persona spesso stupida e senza carattere.
Da qualche tempo però sto adottando la tecnica di dire tutto ciò che mi passa per la testa cercando di riempire spazi vuoti per dimostrare di essere tutto, tranne che una persona che non parla.
Risultato: dico una cifra di cazzate, una dopo l’altra, e non riesco a fermarmi. Continuo senza sosta a dire cose (spesso senza senso) con un’ansia da prestazione così evidente che spesso, anche in questo caso, finisco per passare per una persona stupida.
Mi piacerebbe parlare quando mi va, se mi va, senza l’impressione di essere perennemente con un riflettore puntato sulla faccia davanti a un pubblico silenzioso che si aspetta che io faccia chissà cosa.
Ma no, capisco che le vie di mezzo io non le concepisco e mai le concepirò.