Buona Pasqua

Molti anni fa ho letto una frase che mi ha affascinata particolarmente e che ho sempre ritenuto facesse parte di me, in un modo o nell’altro: Finchè ho le gambe posso andare dove voglio.
Tornando verso casa un irresistibile profumo di frittura mista ha invaso il mio naso e in un attimo mi sono proiettata nel consorzio di casa al mare dopo la consueta corsetta pre-cena. I miei cinque sensi stavano rivivendo scrupolosamente quell’immagine: nessuno in giro se non qualche runner audace e dalle villette odori di buono, rumore di stoviglie e sigle di telegiornali. La mia corsa di solito si concludeva in un modo: arrivavo fino al mare e senza pensarci troppo nella spiaggia vuota mi toglievo i vestiti e mi tuffavo. Libertà, come a ringraziarmi della fatica fatta e probabilmente una delle sensazioni più belle mai provate. Mi viene da credere che forse tutte le belle sensazioni vengano dalla natura: l’odore della primavera, la sabbia fresca e il vento mattutino estivo. Ma poi penso a tutte le persone che mi mancano e allora capisco che non è propriamente così. Sebbene io decida di mettermi a correre, stavolta non potrei mai arrivare al mare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...